Un po’ de modi de dì che se usa (o usava) dale parti d’Ancona.
I testi ène presi per la magior parte dal Dizionario del vernacolo anconitano (Mario Panzini – Ancona 1996/2001) e qualcosa dal  Dizionario dei dialetti dell’Anconetano (Spotti-Marcellini, Il Lavoro Editoriale, Ancona 1996)

Sta setimana ce toca questi:

  • El cà de bocatenta ariva e boca drenta = se dice de na perzona che entra senza chiede permesso
  • Se n’arfà = se dice de uno che se pavunegia, che fa el pacó
  • Nun dà manco el curtelo al boia = se dice de uno che nun fa ‘sulutamente gnente
  • Passa un biro = passa un cornuto, se dice quanto dó perzone prununcia cuntempuraneamente la stessa frase
  • Pià gambó = de uno che se pia tropa cunfidenza

  • Indó caga lascia = se dice de na perzona disurdinata e ciafona, che quanto usa le robe non le rimete mai a posto
  • Aqui nun ce salva manco Bombi…! = fino dala fondazió (più d’un zeculo fa) l’Uspedale Umberto I ciaveva un riparto de Chirurgia generale cui fiochi, che intél tempo è stato direto da primari cui controc….. controfiochi: i prufessori Capeli, Bombi, Giardini, Pricolo, Pulidori, Paliaga… e via dicendo. Tra questi uno dei più famosi era propio Bombi, che ciaveva dele mà d’oro che risulveva tuti i prublemi. Da lì è nato el deto in questió, che se usa quanto uno se trova intéla merda fino al colo e serve un intervento pruvidenziale, che manco Bombi te pudrìa tirà fori (nota bè che nun ze usa solo intél campo dela salute, ma è univerzale e vale nté ogni situazió)
  • Mira qui e zeca là = modo de dì che fa el paro co’ “frige el pesce e guarda el gato”, usati per dì de uno ch’è strabigo
  • O mèrda o beréta roscia = de sto deto ce stane diverze interpretazió:
    1) dal nono de Mario Panzini – motto (modo de dì) de Aldo Lazzarini, che ciaveva un lucaleto per la riparazió de machine da cuge in Piaza del Papa, sopranuminato “Braghì” perché nun purtava mai la cinta e alora ciaveva spesso i calzoni a cagarela ntél zenzo de “cadenti”; lù, fiero amiratore de Garibaldi, ha inventato stu modo de dì dal bereto roscio dei Garibaldini, per dì che chi nun scejeva la lota pe’ la libertà se sarìa truvato fugato ntéla merda (immerso nelle feci);
    2) da Palermo Giangiacomi = motto (modo de dì) inventato per dì che, tra sta soto al putere tempurale del Papa (rapresentato dal zucheto roscioporpora del gardinale delegato) e el magnà la merda, era mejo a sceje la segonda perché era el male minore;
    3) dala nona de Flavio = segondo sta verzió – semo al tempo de guera, dopo la liberazió – quanto vedevi da luntano na roba tonda più o meno culurata de roscio, o era na merda de vaca o era un bereto cascato a uno dei suldati inghelesi, che qula volta in giro ce ne stavane na muchia;
    4) ntél zenzo de “o la và o la spaca!” usato qualche volta ogi ntéi cunfronti de na perzona che, senza nisciun mutivo, rifiuta na roba perchè vòle un bel po’ de più
  • Andà’ a calàndru (o anche andà a calandri’) = seguire il filo, teso orizzontalmente, per poter costruire un muro a perfetto livello – rigar dritto, vivere con morigeratezza – andà’ a calàndru stortu: è tuttora detto di persona poco seria o addirittura immorale (dal Diziunariu de Mariu Panzini)
  • Fà la fine del ca’ de Luzzi = morire per fatto violento e singolare – parechi ani fa Luzi Ulderico, de prufessió sartore, stava de casa e lavurava nté ‘n apartamento al primo piano de Palazo Gozi (de fronte ala Standa de Corzo Carlo Alberto) e ciaveva ‘n cà; ‘n giorno stu cà jé casca dal terazì de soto sula strada (che qula volta se chiamava via De Pinedo), e pòle esse che se la sarìa cavata, se nun fosse stato preso soto prima da ‘n calesse che passava de lì, e po’ adiritura dal tranve; ogi st’espressió se usa per dì de esse propio sfigati al massimo, ma qula volta sta frase era na vera e propia minacia (dal Diziunariu de Mariu Panzini)
  • Ah, l’ardice chi vo’ le concule! = si dice a chi ripete sempre la stessa cosa
  • Buta su e rischiara = si dice di una persona che fa le cose in modo approssimativo
  • Camina a gato mignó = cammina a quattro zampe
  • Cià i calzeti a cagarèla = porta le calze allentate
  • Cià na facia smitriata = ha una faccia da schiaffi
  • Ciàca l’ajo! = muori di rabbia!
  • Daje daje la cipola diventa ajo = la troppa insistenza fa perdere la pazienza
  • El buzigo dela mundeza = il bidone della spazzatura
  • El cà de bocatenta ariva e boca drenta = si dice di chi entra senza permesso
  • Esse tuta na papa e na bumba = essere come pane e cacio
  • Fa’ i cagnoli (o anche fa’ i purcheti) = vomitare
  • Fa’ j ochi da busbana = fare gli occhi languidi
  • Fa’ la boca brencia = fare una smorfia quando non si gradisce qualcosa
  • Fa’ le robe ala babalana = fare le cose a vanvera
  • Fa’ na capèla = ha commesso uno sbaglio
  • Frige el pesce e guarda el gato = si dice di chi è strabico
  • Hai magnato i bumbareli!? = si dice a chi arriva tardi a un appuntamento
  • Métese a giagio = coricarsi, sdraiarsi
  • Miga è la butega de chiapì! = quando tutti cercano di approfittarsi di una situazione
  • Nun avéce ‘n bòco per fa cantà ‘n cego = non avere il becco d’un quattrino
  • Nun ce se pìa ‘n capezo = non si trova il bandolo della matassa
  • Nun dà manco el curtelo al boia = non fare assolutamente nulla
  • Passa un biro = passa un cornuto (si dice quando due persone prununciano le stesse parole contemporaneamente)
  • Pià gambó = prendersi eccessiva confidenza
  • Piàsse na stagiata ntéi denti = prendere una bastonata, una batosta
  • Sci, tu madre cià l’amico = risposta a qualcuno che ha detto una cosa assurda
  • Se n’arfà = si dice di uno che si pavoneggia
  • Se pìa cazi e cazoti = si prende i danni e anche le beffe
  • Sincero come l’aqua dela broca = si dice, ironicamente, di una persona poco sincera
  • Uno casca e quel’altro s’arcoie = uno sta male e l’altro peggio

Annunci