Na rifulata de garbì
Ernesto Marini (Nazarè)

Ricordu qul mumento cun amore,
cul core a tiche tache t’ho spetata,
aria pulita, bela la serata,
io ciavevu da dite dó parole
piene de garbo, amore e sentimento,
me le sentivu a murmurà intel core.

E a lì, ‘ndù te spetavu, in qul mumento,
al’ora giusta giusta sai rivata,
ce penzu cun dulceza e so cuntento,
cun che sudisfazió io t’ho incuntrata!

In core sento tanta nustalgia
pre qui bei giorni ch’è stati ‘n incanto,
ma el tempo è avaro … e tuto porta via,
come le rifulate de garbì,
ène vulati i giorni, i mesi, i ani,
cum’è ‘ndati via svelti Tonì mia!

Quanti ani ène passati, dime quanti,
ma ce semo vuluti sempre bè;
ma sci, na stizatela de passagio,
cusa vò dì, nemiga semo santi …
ma dopo aprile arviene sempre magio
e a magio artorna a splende belo el zole,
qul zole che ristora anima e core
e te rinforza el verzo del’amore.

. . . . . . . . . . . .

Come na rifulata de garbì
ène fugiti i ani … già, cuscì,
una fulata, el tempo è ‘ndato via,
cum’è ‘ndato via svelto Tonì mia!
E vechiareli ciartruvamo a qui,
la vita cel zapemo quelo ch’è …
ma niantri ce vulemo sempre bè.


 

Annunci