Un accorato rimpianto per lo “scojo de San Clemente” che sorgeva all’esterno del cantiere navale, scomparso perché inglobato nei Cantieri navali nel corso dei tanti ampliamenti


Io so sempre cun te
Ernesto Marini (Nazarè)
dal volume “Festival di Varano – Edizione 1999”

Io so sempre cun te:
cun te ragionu, ridu… me cumovu…
mumenti de rimpianto e d’alegria,
me piace a rimirate,
scuprite, cuculate… ricurdate!…
E t’ho da dì el perché:
per questo io vag’a torzo, via per via,
pri viguli rimasti, i più niscosti,
pre sti còli ridenti,
pre sti rioni scialu e cred’a me,
intrà la gente che te vòle bè.
Cuntemplu le scuiere del Passeto,
le Ripe de Galina, del Gardeto,
d’i Capucini… el Guasco,
e’ sguardo cala cala e smicia in giù,
cerca qualcosa che nun vede più.
Un gingileto ch’era ‘n urnamento,
una beleza intrà le robe bele…
era ‘n fratelo dele “Dó Sorele”,
del Porto un munumento,
el vurìa vede a lì, ma inutilmente.
Ragionu malinconico e suspiro:
– Scoio de San Clemente…
dime ‘ndù è che sai ‘ndato ?
T’hane niscosto, t’hane suterato! –
Ripenzu a lu, sbacilo… me rigiro
e arvagu pri rioni cu’ la mente,
sperando inte ‘n incontro ch’arcunzola,
qualcosa che m’arincuragia el core,
un verzo che ralegra la parola…
Dal Domo io te vedu bel’Ancona,
te scopru guasi tuta… ai quatro venti,
i còli che t’adorna… cuculona,
el mare che te bagia… cun amore,
me fa cuntento, e te me vedi e senti.


 

Annunci