Scurzo’
di Nando Di Gregorio

Passato ‘l giorno del spusalizio e passata la prima setimana de bagi e abraci, cuminciane le prime discussiò’ e cuntruversie fate sotovoce cun garbo e tono: – Scusa n’ho fato aposta! Penzavo che!… Forze hai capito male! Si te fossi spiegato mejo forze… ! E giù ‘na sfilza de giustificaziò’ pur de truvà’ la scusa d’ una ragiò’!
Dice, che ‘l tempo rimedia, casi rari, pe’l più, j ‘animi s’infervurisce tanto da sfocià’ in cagnare taja testa acompagnate da frasi minacciose e vituperi a bòta e risposta :- Te bùto da la lugèta – Bùtace tu’ surèla! – Saria da tajate le vene del còlo! – Stà ‘tenti ninì! Te tajassi io, qualcus’altro quando dormi! – Sai ‘na zzàculona come tu’ madre! – Te ‘n imbriagò’ come tu’ padre! –
Qui, la lista pudria slungasse all’infinito ma l’omo è debule e sa, che dopo la guera c’è sempre la pace. Queste cuntruversie, dicene i pissicolughi, è dovute a la mancanza de cunuscenza de carateri, e ‘stu periodo è come u’ rudagio cu’ l’apice al setimo àno quando scàta la crisi.
Chi i nun ce la fa, se lascia, j altri cuntinua, ma qualcosa gambia e se discore sempre meno, s’ariva a la conclusiò’ che nun vale manco più la pèna de spregace ‘l fiato. E dopo qualche, cu’l solito tran tran, ce se ritrova a sentì’ le solite frasi: – Te nun m’ami più! – Io? Guardi sempre e solo Amici a la sera! – Ma si c’hai solo le machine, el palò’… sta zzìtino va! – Cusa voi che guardo, le stèle? –
Embè, nialtri io e la mia signora, semo ormai luntani da qul sètimo àno e le situaziò’ e l’esigenze erane molto diverze e più che la crisi matrimuniale, era la preocupaziò de come cumprà le scarpe ai fioli.
Prò, si ho da esse sincero, nisciuno è santo, se c’arpenzo, qualche mancanza de delicatezza scì c’è stata. Nun zzò mai stato uno de grandi smancerie, lichi e lichèti, tanto da meritame ‘l titolo de scurzò’, da parte de mi’ moje e al tempo che fu, nun me sò perzo d’animo e ho truvato un rimedio che per tanti àni è stato la risoluziò’ del prublema. Al posto de quele frasi fatidighe che me dava u’ certo nun zzò che, c’ho messo u’ numbero e cuscì’ invece de dije:
– Amore mio – je digo numbero uno
– Sei la dòna mia – numero do’
– Ochi de j’ochi mii – numero tre
– Te vojo bè’ u’mbel po’ – numero quatro
– Papèreta duràta – numero cinque
Qui me so’ fermato. Miga c’ho sempre voja de discore tanto. Lia, in tuti ‘sti àni è armasa sodisfata fino a qualche sera fa quando dopo una flebile discussiò’ pe’ ‘na sciapata, ha tirato fora la fatitiga frase: – Tanto sai e restarai ‘l solito scurzò’! –
Per fortuna che c’ho ‘vuto sempre la risposta pronta e nun me so’ perzo d’animo. In qul’atimo sfugente d’intimità, dopo aveje preso la testa fra le ma’ co’ l’ochio languido e tumefato m’è uscito d’istinto la fase: – Numbero sei – !
E’ stato come u’ lampo a cel’ sereno! El grugno de mi’ mi’ moje che c’ha sempre quando j tira ‘l zzàco, s’è trasfurmato in t’un suriso che pareva Alice ‘ntel paese de le meraviglie. M’ha streto forte pr’un minuto e m’ha dato u’ bagio ch’ha rintrunato come u’ schiopo de l’ultimo de l’àno, po’ tuta meza vergugnosa cu’ i labri a culo de galina ha sossurato: – Numbero sei? Nun me l’hai dìto mai! Cusa voldì’? Dimèlo Gigiòto! Dimelo – …
Nun me’l zzò fato ripète do’ volte! L’ho streta forte ‘ntel qul vitino da vespa che c’ha, ce so’ ‘rivato apena a guantame le ma’ e… dopo avela guardata come Clarche Gabol ‘ntel filme “Via cul vento” j’ho susurato ‘nte ‘na rechia cu’ u’ filo de voce che l’avrane ‘nteso fino a Capodemonte: – Ma vaa va a murì mazàta te e qul giorno che t’ho spusato! Quando ce vo’ ce vo’!!

12/8/2010

degregorio_scurzo

Annunci