Porto carcerato
di Sauro Marini
Segnalata al Festival di Varano 2007

Ho scrito sta puesia quanto ancora la riapertura del Porto antigo nun era manco ntéi sogni de nialtri ancunetani. Ogi che tuta la zona del’Arco de Traiano è de libero acesso e è diventata un punto de ritrovo de na muchia de gente ho penzato de ripublicà la puesia, sudisfato de come è ‘ndata finì la storia, e speramo che andando avanti altri pezi dela recinzió possa sparì.


So ‘ndato a caminà cul passo lento
per digerì patate e stucafisso,
vago giù al Corzo, giro al Zagramento,
buto ‘n’uchiata, per pogo ciò ‘n culasso.

El molo è chiuso, tutu recintato,
“gerzy”, pali de fero, reti fine,
pare che dice: “El porto è seguestrato!”
Tra me e el mare adè c’è stu cunfine,

bite e gumene par de sentì piagne,
ma i cerveloni ormai ha sentenziato:
“C’è i teruristi in giro, poghe lagne!”

Cuscì dietro ala rete sto ‘tacato,
guardo i cucal’in volo, e penzo triste
a sta por’Ancona, cul porto carcerato!


portocarcerato

Annunci