La stagió estiva è schiupata al’impruviso e cuscì è ricuminciate le tranzumanze a Portunovo. E alora cusa c’è de mejo che rispulverà sta puesia che ha ricevuto el “premio Simpatia” al Festival del dialeto de Varà del 2000…? A vuialtri, e prima de ndà a Portunovo el sabito e la dumenica penzéce 8 volte…!!!

‘Na dumenica a Portunovo – di Sauro Marini
Premio Speciale “Simpatia” al Festival del Dialetto di Varano Agosto 2000

Dumenica matina, m’alzo presto,
voio rivà per primo a Portunovo,
la spiagia dela Tore è guasi vòta;
stò drento ala natura fino al colo,
me godo ‘n po’ de st’aria sprufumata
e fò l’abrunzatura nté la pèle.
Me sdraio longo sopra el sciucamà,
guanto el giurnale e po’ cumincio a lège
mentre che penzo: – Ogi so’ in Paradiso! –

Ma dura tropo pogo sta gran pace
perché sento vicino una che sgagia:
– Luigi córe dai, porta le sdraie,
dame qul’umbreló, pianta el picheto! –
Po’ sento i zocoli sbate sopra i sassi,
un nuvolo de polvere ‘nté i ochi
e un spigulo de borza me se infilza
– Uh, che dulore – propio nté la milza!

Ma el branco de barbari se calma,
me rimeto a lege qul giurnale,
el titulo me dice “Si prevede
tutto esaurito quest’oggi sulle spiagge”.
– E mè coioni – penzo tra de me
– me sarò ‘corto cun tuto ‘stu gastigo ? –

Ma nun fo in tempo a lege tuto el resto
perché me sento a dì co’ na vuciacia:
– Se stregne un tantinì che semo in tanti !?!
Cusa se crede, aqui, d’esse el padró?
Cià un sciucamà che pare Piazadarmi,
ce dà ‘n bucuncì de posto pure a nó ? –

Cerco de restà calmo e me ritiro,
‘rcoio la borza, sposto el sciucamà,
guanto le scarpe, le tiro ‘n po’ più in qua,
po’ cerco de ripià el cuncentramento
per lège qualche riga del giurnale.

Ma miga ce riescio, sa, perché
me sento da giù ‘l mare un strilo acuto:
– Babooo, dame la maschera e ‘l bucajo! –
È qul’anima ‘durata de mi fiola
che fa el bagno co’ l’amichete sue;
me alzo e cerco intorno le ciavate
ma nun le trovo e quela chiama: – Babooo… –
e vago scalzo fino giù la riva
cui breci che s’infilza soto i piedi,
ié slongo maschera e bucaglio,
i dó bracioli cul materazì
e po’ ié digo calmo: – Sai, papà
sta cercando di leggere il giornale,
vorrebbe stare un po’ in tranquillità -.

Po’ sempre scalzo torno al posto mio,
sempre più streto in mezo al pipinaro,
cerco de risdraiame come posso,
apro ala pagina ‘ndó parla de D’Alema
e legio “Grido d’alarme del Guverno”
mentre che sento un strilo nté le rechie:
– Aiuto, fugì tuti, ariva l’ondaaa! –
Tiro su la testa e guardo el mare,
giù nté la riva è tuto un guazabuglio,
el mare, ch’era calmo, è sotosopra,
le onde è alte guasi ‘n par de metri,
vedo materazini che svulaza,
le madri strila, i fioli chiama aiuto,
ma per furtuna tuto dura pogo
e prima che i’ la fo a tirame su
el mare è n’antra volta calmo e liscio.
Sento uno che dice: – Era la nave,
la Superfàste, qui morimazati,
ce vole fa murì tuti ‘fugati! –

Vago a ripià el posto, quato quato,
e sfoio el giurnale ‘n antro tantinelo
fino ala pagina dela cronica nera
ndó parla del gialo del mumento;
mentre che legio tuto emuziunato
na storia che me ‘passiona e me rapisce
un strilo me trapassa el cerveleto:
– Coco fresco, coco, coco belooo! –
Che te pia ‘n colpo, bruto sciagurato,
per pogo el core, el zai, nun m’è schiupato.

Cerco de ripià ‘n po’ de cuntrolo,
giro la pagina, dago na smiciata,
guardo dó tituli, nun sò cuncentrato,
me viene in mente de guardà che or’è:
– Già è mezugiorno e mezo, nun pol’esse,
me pare ch’è mez’ora che sò qui. –
Ma è tardi, è ora che turnamo a casa,
muchio le robe, vesto qula fiola,
rimpo le borze, infilo le ciavate
e pio el stradèlo per turnà al parchegio,
ma dopo dieci metri me rigiro,
guardo la spiagia gonfia de crestiani,
el zole che li coce tuti arosto,
i sassi che ié brugia soto i piedi,
la puza dele creme autoabrunzanti,
le chiachiere dei branchi de cumari,
e i urli dei fiulaci indemuniati;
raccoio el fiato, fago un bel zuspiro,
pogio la borza ‘n atimo per tera
e fago: – Tò, spiagia dela Tore,
me sa che de dumenica quagiù
cul cachio che me ce rivedi più! –

arrabbiato

Annunci