ALADINO – di Nando Di Gregorio

NandoDiGregorio‘Na muchia d’àni fa, al’inizio de via Piave, dopo el primo arco e dopo l’oficina del mecanico Barca, e ‘ndó adesso c’è ‘n bar, c’era ‘na cantina che era del padre dei frateli Cinti i caruzari.
‘Sta cantina era divisa a metà da ‘na parete de legno, da ‘na parte vi’ e ciambeléte, da qul’altra la butega de mi’ fratelo tapeziere. Lì ho imparato ‘l mestiere.
Dopo el setantadó, pe’l teremoto, ce semo spustati dal’altra parte de la strada, ’ndó adesso c’ène j ufici del cumune.
Ène passati più de cinquant’àni e nun zzò se l’ho da di’ cun’ unore, o cu’ ramarico, sciguro, posso di’ d’esse ‘l più vèchio artigiano de ‘sta via.
Ho fato ‘sta premessa perché, si per tanti àni ‘sta butega m’ha dato da magnà’, per tanti altri è stata ‘l ritrovo e l’incontro de tanti amichi del vernacolo.
‘N’altra, era quela del caro amico Mirco Masi, in via Macerata, ‘ndó vendeva j articuli prì calzulari.
Ho trasmesso da ‘na radio privata un prugrama vernacolo, dal’utanta al nuvantasei, oh… del milenovecento, tute le dumeniche matina. Me so’ dato da fà e ancora fago qualcosa, sempre cu’l rispèto de j altri.
De amici, de cunuscenti, ce n’ho avuti tanti, cu’l tempo qualch’uno s’è perzo, ma qula volta nun passava giorno che almanco ‘n’ amico nun venisse pr’un saluto, per lège ‘na povesia o solo per discore del vernacolo. ‘N assiduo era Carlo Marinelli, ‘na pasta d’omo e bravo poveta, stava de casa in via De Bosis, vicino butega, ‘na mez’oreta e po’ ‘l zzàluto.
Po’ d ‘impruviso nun s’è visto più e nun ciò avuto còre de sapé’ ‘l perché … è rimasa la speranza de rivedélo, u’giorno, in cima a la porta.
I veri amichi, lasciane sempre ’n gran vòto.
Ma bando a le tristeze e tornamo a le cose che te méte qul bucó d’alegria drento ‘l còre sinunaltro per ricordà’ certi persunagi tipighi d’Ancona nostra.
Un giorno, nun me ricordo quale… ma… più de vent’ani fa sciguro, me se presenta in cima a la porta ‘n’ométo su l’otantina, da la facia alegra simpatiga c’un surisu stampato ‘nte la bóca.
Sicome, oltre i clienti, el vernacolo, de gente in cima a la porta per chiede ‘n’informazió’, era e è un cuntinuo, voi per l’acquedoto, le cuntravenzió’, per l’ICI, ogni periodo c’ha ‘vuto el turmento suo e quando s’è presentato custù, lì per lì, ho penzato, cusa chiederà?
– Ancora te sai ‘n artigiano! Brao! Io l’ho fato per tanti àni! Adesso so’ in penzió’! –
Me dice che se chiamava Pignochi Aladino, che ciaveva avuto per tanti àni la butega da barbiere in piaza Roma de fianco al Bar Itaglia.
La prima batuta, l’ha fata sopro ‘l nome suo Aladino quando ha visto che ho fato u’ suriséto scujonato : – Te meraviglia el nome? N’è tanto ancunitano! Ma mi’ padre me l’ha messo pr’u’ mutivo preciso! Sicome drento casa eremi tanti e c’era ‘na stoja che nun te digo, ha sperato che fra ‘l nome e la lampada, pudesse venì’ u’ bucó’ de luce drento casa! – e ha fato u’ suriso come a dì: – Te pare pussibile?-
Po’ l discorzo è passato ai perzunagi che lu’ aveva conosciuto e pratigato.
Fra i tanti, la famosa crica de Onori, u’ grupéto de amichi che jé piaceva a fa’ ‘na muchia de scherzi.
– A me è tucato ‘l primo giorno ch’ho ‘perto butega. La matina so’ uscito de casa sudisfato d’avece u’ lavoro per conto mio, el primo giorno e nun vedevo l’ora d’oprì’. Apena so’ ‘rivato davanti la seranda, ciò truvato ‘na scriscia de carta per traverzo cu la scrita: – Chiuso per falimento –
Ma cunfronto quelo che ha passato qul poro Muroni, ’n’antro barbiere che ciaveva la butega giù pe’l corzo novo vicino a la giuieleria de Sisti. Aveva da fa’ l’inaugurazió del rinovo de la barbieria e la sera prima aveva fato tardi per fenì’ a sistemà’ tuto, quando la mtina dopo te’l vedo ari-và’ tuto paunazo, guasi cu le lagrime a j ochi me fa: – Madona mia Aladino… la bu-tega… la butega nun c’è più! Cume fago adesso! –
– T’ha dato de volta ‘l cevelo – j digo.
E lu’: – Viene a véde, viene!-
Io sapevo tuto ma so’ stato al scherzo. : – Guarda – me fa!
Difati ‘ndó c’era la porta, sopro era tuto cuperto da manifesti. Muró’ era bianco marmito e sudava giacio. Prova a bussà’, j fago chilzà… difati ce prova e sente a sunà’ chiòchio, chiama ‘l muratore, che era già pronto, un paro de martelate e scapa fora la vetrina. Durante la nòte la solita crica aveva fato tirà su u’ muro e ricuperto de manifesti, Dopo c’ene state solo risate! Ma quante n’hane fate!
Una de le tante che jè capitate a Muró’ è stata quela del viagiatore.
’Na matina se presenta uno drento butega, con acènto torinese, per nun insospetilo, chiede de fasse fa’ la barba, ‘na parola e l’altra, soliti discorzi dal barbiere. Finita la barba, Muroni, sodisfato dice la fatitiga frase: -Tuto bene signore?-
El viagiatore spechiandose de rimando dice: – Fino adesso si! Me da u’ bichiere per favore?! –
Muroni rimane stupito ma vista l’inzistenza je’l da. El viagiatore el riepe d’acqua e invece de bévela, la tiene in boca facendo gargalismi e gonfiando le guance, po’ a la fine la sputa drento ‘l lavandì.
Più stupito de prima, Muroni j fa : – Cus’è j fa male u’ dente? –
– No – risponde ‘l viagiatore – sicome è la prima volta che vengo qui, me vulevo assigurà che nun m’avesse fato qualche tajo ‘nte la facia! Casomai avrebe fato u’ sgizo d’acqua! –
E lì Muró’ che uramai aveva capito j fa, indicando l’altra parte de piaza Roma ‘nduera la butega de Onori: – Per caso ce l’ha mandato Onori?-
El viagiatore sorridendo anuisce : – Alora desso te ce mando io!- e quì avria déto la fatidiga frase anconitana che tuti cunuscemo! : – Vace te, e Onori!-
‘N’ha racuntata qualch’altra de sturièla, ma casomai, a la prossima volta.
Prima d’uscì da butega, de bòto in bianco m’ha déto: – Quando murirò, j l’ho déto ai fioli, vicino a la tomba ce vojo u’ pezo de scojo de Portonovo, speramo!.. –
Ciao Aladino, sò’ stato fortunato d’avéte conosciuto.

DiGregorio_Masi

 

 

Mirko Masi e Nando Di Gregorio in
“El rió è picolo e la gente mormora”

Annunci